Russia. Dopo proteste e arresti resta teso il clima per le amministrative

history 1 minuti di lettura

Dopo un’estate di diffuse proteste “per elezioni pulite”, domenica 8 settembre si vota in Russia. Si tratta di elezioni amministrative per eleggere governatori, consiglieri comunali e parlamentari regionali in diverse regioni. Molti candidati dell’opposizione e Russia Unita, il partito-padrone di Putin, sono stati esclusi per cavilli formali (spesso le firme per la presentazione del candidato) e questo aveva innescato le manifestazioni alle quali la polizia ha reagito duramente. Russia Unita, soprattutto a Mosca, non gode, in questo momento, di grande popolarità complice anche una situazione economica da tempo che determinato ha un calo dei redditi reali. Sarà per questo motivo che a Mosca non sono stati candidati esponenti del partito ma tutte persone vicine ma esterne. I corrispondenti da Mosca e San Pietroburgo scrivono di una tensione palpabile.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article