Scuola: “Chigi, abbiamo avuto un problema qui”.

scuola studio
history 1 minuti di lettura

La scuola rischia di essere fatale al governo giallo-rosso. Le polemiche e gli attacchi diretti o velati sono giunti da molte parti. Ieri sono arrivate le linee guida dell’Istituto superiore di Sanità, redatte con i ministeri della Salute e dell’Istruzione, Inail, Fondazione Bruno Kessler, le regioni Veneto ed Emilia-Romagna. Ma quello che ha alzato, e di molto i toni, sono state le parole della ministra Azzolina su la Repubblica sostenendo che «a scuola si tornerà anche se nei sindacati c’è chi fa sabotaggio». Le risposte non si sono fatte attendere dai sindacati, dalla Cisl, dalla Uil, dalla Cgil, dall’Anief, alla Gilda Insegnanti e dai partiti, con la litania della destra ma anche con i messaggi nemmeno tanto subliminali di Renzi che vuole la sostituzione della ministra con Elena Boschi.
Forse se ci fossimo occupati di tenere sotto controllo luoghi di assembramento e avessimo dato priorità, fin da maggio, alla scuola e all’università la tensione sarebbe meno alta. E comunque la scuola va riaperta e il Governo deve concentrare le forze e competenze per farlo con alti livelli di sicurezza.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: