Senegal: da tre giorni si infiammano le proteste

senegal
history 1 minuti di lettura

Anche il Senegal trema. Un paese tra i più stabili socialmente e politicamente, da tre giorn,i si trova scosso, in particolare nella capitale Dakar, da disordini, incendi, saccheggi. La protesta è scoppiata quando lo scorso 3 marzo è stato arrestato Ousmane Sonko, principale leader dell’opposizione al presidente Macky Sall. Molti arresti e fermi, oltre cento feriti e, secondo quanto dichiarato dell’Interno, quattro morti. Nel frattempo l’organo di vigilanza di radio e tv ha bloccato per qualche giorno le emissioni di alcune televisioni. Ci sono problemi per l’accesso al web.
Molto popolare tra i giovani e con posizioni molto critiche verso il sistema, Ousmane Sonko è leader del partito dei Patrioti del Senegal per il lavoro, l’etica e la fraternità (Pastef) è stato arrestato dopo una denuncia per stupro e minacce di morte nei confronti di una giovane donna. È possibile che le proteste siano partecipate da simpatizzanti di altri strati della popolazione a cui la decisione del presidente Macky Sall di modificare la Costituzione per andare oltre i due mandati presidenziali è invisa.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: