Soviet Soviet, Endless

Soviet Soviet
history 2 minuti di lettura

Il fiume che scorre copioso e veloce in tutto l'album è quello del punk. Come ogni fiume è in grado di trasportare molti elementi galleggianti che ne danno un senso che va oltre la natura che avanza. Il disco è (Black Candy Records) e il trio che lo suona si chiama , nato nel 2008 sulla costa di Pesaro e composta da (chitarrista), (voce/basso) e (batteria). Nel 2011 avevano pubblicato l'EP Summer, Jesus e due anni dopo arrivava l'esordio con l'etichetta americano Felte, che ha riscosso successi di critica e di pubblico.
Soviet Soviet EndlessEndless spiegano loro stessi ê «un tunnel che deve esser preso come esperienza per migliorarsi e migliorare quello che ti circonda. È un lavoro per molti aspetti più complesso anche dal punto di vista dell'arrangiamento stesso dei brani. Abbiamo cercato di sperimentare nuove sonorità pur mantenendoci sempre legati al nostro modo di intendere la musica e di suonarla».
In effetti i nove brani si presentano  con un maggior livello di arrangiamenti che qualificano in maniera “moderna” il punk e magari va oltre. Come accade nei quasi cinque minuti di Going through tra pennellate  elettriche e un passaggio “melodico” a metà canzone con la voce di Giometti che si espande e diventa corale mentre avanza un cupo tappeto elettronico e un basso possente. E la linea melodica di Endless Beauty è di fatto l'andamento del canto che si impone con le sue aperture quasi pop sulla corsa continua delle chitarre.
Un inizio quasi melodico quello di Star che pur seguendo un ritmo accuratamente cadenzato che ci tieni attaccati dispiega chitarre i continua distorsione.
Remeber Now nonostante la sua energia inarrestabile tenuta in carica dalla batteria sembra aprirsi a momenti glamour anche per quella chiusura a metà canzzone che azzittisce il suono e fa ripartire il brano con un arpeggio cristallino.
Il brano a più alta velocità è Pantomime che parte con una declinazione rock per poi avere una tensione costante tra batteria, chitarre e basso tra riverberi distorsioni momenti oscuri.
I loro concerti saranno affollati come in passato e la solita attesa del secondo disco, dopo il primo acclamato, termina con annotazioni, da molte parti, molto positive che indicano il superamento dell'esame.
Non vi curate di noi e ascoltate.
Ciro Ardiglione

Soviet Soviet
Endless
etichetta: Black Candy Records
data di pubblicazione: 2 dicembre 2016
brani: 9
durata: 42:25
album: singolo

canale telegram Segui il canale TELEGRAM

-----------------------------

Newsletter Iscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article