Sudan: un passo indietro dei militari dopo il colpo di stato

sudan bandiera
history 1 minuti di lettura

I militari del Sudan che avevano preso il potere con un colpo di stato hanno reintegrato il primo ministro Abdalla Hamdok esautorato lo scorso 25 ottobre e finora agli arresti domiciliari. Sulla base di un accordo con generale Abdel Fattah al-Burhan, Hamdok prenderà la guida di un nuovo governo composto da civili tecnici per gestire un periodo di transizione. Secondo quanto riportato dalla CNN il funzionario che ha contribuito alla riuscita dell’accordo, Mudawi Ibrahim i contenuti dell’accordo stesso prevedono, tra l’altro, il rilascio di tutti detenuti politici, la creazione di un esercito unificato, la modifica della costituzione del Sudan per includere nuovi articoli per regolare la partnership tra civili e militari nel governo di transizione. Ma le proteste con le relative risposte di polizia ed esercito sono continuate nella capitale e in altre città perché parte dell’opposizione rifiuta questa soluzione. La coalizione delle Forze di libertà e cambiamento del Sudan (FCC) vuole sul banco degli accusati tutti i golpisti che non hanno nessuna legittimità.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: