Taglio del parlamentari: un referendum senza discussione.

Roma Palazzo Montecitorio parlamento
history 1 minuti di lettura

Il governo giallo-rosso avrebbe tempo fino a novembre per far svolgere il referendum sul taglio dei parlamentari, ma invece, con tutta probabilità, lo farà a settembre. Si impedirà una seria discussione, adesso c’è la ripresa e poi le agognate vacanze che metteranno da parte l’attenzione su un tema caposaldo della democrazia perché incide sulla rappresentatività del popolo italiano. E non basteranno nemmeno le poche settimane post vacanza perché la discussione finirà con l’essere affogata nelle beghe elettorali dei potentati locali che saranno impegnati chi a difendere e chi a difendersi da quanto fatto o non fatto durante la pandemia.
Molti sono gli argomenti da trattare con il referendum sul taglio dei parlamentari ma oggi vorrei ricordare che l’Italia sarà la nazione europea con il peggior rapporto tra elettori e eletti. Avremo un deputato ogni 151mila cittadini elettori.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piacuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: