Teatro d’opera, note da Catania

Teatro Massimo Bellini
history 3 minuti di lettura

Non ci sono alternative il Teatro d’opera è una forma d’arte corale, senza distanziamento sociale, anzi ha bisogno di affollamento, di moltitudine, “necessita di un gran numero di professionisti come i solisti, il coro, l’orchestra, il regista e molti altri lavoratori del backstage”, come ci dice durante la nostra breve intervista a Maria Schillaci, professoressa al Conservatorio di Catania e direttrice artistica insieme alla prof Silvana De Benedetti del Concorso lirico di cui ci ha parlato. E non andare in scena significa che, prosegue la prof, “a fronte di una grande mole di lavoro gli artisti, così come tutti gli operatori, percepiscono spesso un cachet forfettario e adesso, a seguito dell’emergenza mondiale susseguente alla pandemia, tali problematiche sono ancor più drammatiche”.

La lirica avrebbe già dovuto avere un sostegno diverso perché ancora troppo poco diffusa. L’Annuario dello spettacolo del 2018 ci mostra che sono state circa 29.000 le presenze con quasi 2,4 milioni di ingressi per un incasso al botteghino di 106,7 milioni di euro (importante il contributo dei grandi eventi all’aperto in estate. Un biglietto di ingresso nella lirica costa mediamente di 44,53 euro e lascia immaginare un pubblico di età avanzata, con un elevato grado di istruzione ed un reddito medio più alto della media.

Dovrebbe far riflettere, però, quanto accaduto a Catania a seguito del progetto Teatro Bellini Story nato per tenere vivo il contatto con il pubblico e gli artisti, come del resto accade molti teatri. Ebbene le sue celebri opere liriche, da “Norma” a “Beatrice di Tenda” a “L’Italiana in Algeri”, sono state rese disponibili da una diretta streaming attraverso i social network e hanno visto una significativa partecipazione, soprattutto per l’esperienza siciliana, dei giovani (25-34 anni). Forse nel cuore del centro storico di Catania la Piazza Teatro Massimo si potrebbe provare a trovare una sintesi, sarebbe meglio un “assembramento” tra quel suo lato goliardico, punto di ritrovo di numerosi giovani, e la storia culturale e musicale della città espressa dal Teatro Massimo Bellini dedicato al suo grande e giovane compositore (moriva a 34 anni), Vincenzo Bellini che lasciava un segno glorioso.

Sarebbe il caso di ampliare la visibilità e il coinvolgimento su quei “progetti per la produzione di opere liriche che vengono introdotte da appositi percorsi didattici per i bambini delle scuole primarie e secondarie. I giovani devono essere educati sin dall’infanzia in quanto viene unanimemente riconosciuto all’opera un ruolo altamente formativo”, ci dice ancora Schillaci.

Tornando all’impegno del Teatro nel sostenere la Lirica è stato lanciato il primo “Concorso internazionale Lions di canto lirico online”, riservato ai cantanti lirici di tutte le nazionalità, appartenenti a tutte le categorie di voci, che abbiano compiuto 18 anni di età alla data del 1 Gennaio 2020.
La loro prova sarà una registrazione audio-video, un programma a scelta comprensivo di 2 arie d’opera, almeno una delle 2 arie con recitativo.

Una partecipazione da remoto, che con tutti i limiti, offre, tra le altre cose, un ponte verso un palco vero. Infatti i primi tre classificati potranno partecipare “a due importanti concerti di gala che si terranno a Milano ed a Catania nella primavera del 2021”. A questo si aggiungono premi speciali come il “Vincenzo Bellini” per la migliore interpretazione di un’aria belliniana; il “Premio Speciale Giovani Voci”, dedicato a chi ha un’età massima di 24 anni (farà fede l’anno di nascita) e un “Premio del pubblico online” vinto da chi avrà ottenuto il maggior numero di voti e “like” sulla pagina dedicata Facebook.

Chiudiamo con una riflessione che la nostra interlocutrice rivolge a chi intende avvicinarsi al Teatro d’opera: “È importante informarsi sul contenuto dell’opera per poterla apprezzare, comprenderne il significato ed infine abbandonarsi all’emozione di questa magia tale da giungere diretta anche all’ascoltatore poco avvezzo a questo genere musicale”.
Agnese Somma

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: