No profit: sul’Ires marcia indietro

history 1 minuti di lettura

Padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa del Sacro Convento di Assisi, ha scritto, parlando delle attività delle associazioni no-profit che coprono come «un manto gli enormi bisogni ed esigenze: da quelli ambientali e a quelli sanitari, da quelli che sorreggono la coesione sociale al contrasto delle povertà, da quelli educativi a quelli ricreativi». Il governo ci aveva provato a difendere, fino all’ultimo, la cancellazione dell’agevolazione sull’Ires delle no profit con la viceministro all’Economia Laura Castelli, che spiegava: «tassiamo i profitti delle no profit mica tassiamo i soldi della beneficenza!». La protesta è diventata incontenibile e così ci hanno ripensato. Non potendo cambiare la Legge di Bilancio, il vice premier Di Maio ha detto che quella norma verrà cambiata nel primo provvedimento utile del 2019.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

Temi relativi all’articolo: