Una notte al Louvre – Leonardo da Vinci

Condividi
la piazza e il louvre

I 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci sono stati celebrati dal museo del Louvre con una straordinaria mostra che ha raccolto non solo importanti opere del genio, ma anche molti degli studi preparatori che ne segnarono la genesi.

Un documentario dove i due curatori della mostra, Vincent Delieuvin e Louis Frank, accompagnano gli spettatori alla scoperta di come il genio espressivo di Leonardo si sia evoluto nel tempo e sia stato proiettato nelle sue opere.
La retrospettiva abbraccia il lavoro dell’artista nella sua totalità a partire dal suo apprendistato nella bottega fiorentina del Verrocchio.

La caratteristica che traspare da tutte le opere raggruppate nella mostra è la scelta di Leonardo di rimaneggiare continuamente le sue opere e di lasciarle volutamente incomplete con l’obiettivo di perfezionarle con il tempo o addirittura nel caso del “San Gerolamo penitente” di lasciarle volutamente incomplete.
Le modifiche continue dei suoi lavori sono colte sia nel confronto tra cartoni preparatori e dipinti sia all’interno dei quadri stessi dove grazie alla tecnica del carbonio sono evidenziate le modifiche rispetto al disegno originario è così che scopriamo figure che ruotano il busto e offrono il viso di tre quarti , mani che scompaiono e figure che si avvicinano l’una all’altra, come nel caso di “Sant’Anna, la Vergine e il bambino” dove ad una Maria che nelle intenzioni iniziali di Leonardo era accanto a sua madre Anna viene sostituita una Maria che siede sulle gambe di sua madre mentre si protende verso un Gesù bambino che la guarda con un rassicurante sorriso mentre abbraccia un agnellino cioè il suo destino.

Le opere di Leonardo vanno oltre le forme perfette, ma esplorano le emozioni dei soggetti che sono spesso emozioni

Léonard de Vinci (1452-1519). Paris, musée du Louvre. INV778.

molto articolate dove uno stato d’animo è sovente accompagnato, nella stessa tela, da uno stato d’animo opposto, basti guardare la Madonna di Benois, dove alla gioia fanciullesca per la maternità della Madonna si accompagna nel bambino la serena accettazione nel figlio del futuro martirio.

Attraverso i curatori della mostra scopriamo i numerosi quaderni di Leonardo dove appuntava continuamene le osservazioni sui suoi innumerevoli interessi che andavano dalla matematica all’astronomia, dall’ottica alla geometria, dalla anatomia alla botanica. Attraverso un’interpretazione approfondita di quelle che furono le motivazioni di Leonardo verso le scienze conosciamo un uomo che desiderava si comprendere i meccanismi e le leggi che regolano il mondo, ma che lo fa sempre con il fine ultimo di servire quella che per lui rimane la regina di tutte le arti cioè la pittura e allora vediamo che le sue conoscenze di botanica si riflettono in molti dei suoi quadri, nello sfondo stesso della Gioconda va in scena la lotta degli elementi della natura.

Conosciamo con questo documentario un genio che padroneggiando la pittura ad olio e lo sfumato, attraverso una conoscenza profonda delle leggi della natura desidera innovare per aggiungere “un’anima” alle sue figure.
Un’anticonformista che stravolge i canoni in uso nel suo tempo per ritratti che non sono più dei profili, ma figure che attraverso la rotazione di busto, testa e sguardo trasmettono le loro intenzioni a chi le guarda.
Quelli che s’innamoran di pratica sanza scienzia son come ‘l nocchier ch’entra in navilio senza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada. Sempre la pratica deve essere edificata sopra la bona teorica.” Leonardo Da Vinci
Adelaide Cacace

Al cinema il 21 22 e 23 settembre 2020
In Italia Una notte al Louvre – Leonardo da Vinci è distribuito nell’ambito della nuova stagione della Grande Arte al Cinema, un progetto originale ed esclusivo di Nexo Digital.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piacuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condivi l'articolo.
Condivi la cultura.
Grazie

In questo articolo