USA: un’inarrestabile strage di innocenti

armi
history 1 minuti di lettura

A 11 giorni dalla strage razzista di Buffalo, dove un uomo spinto uccideva 10 persone, a Uvalde, Texas un diciottenne ha sparato prima in faccia a sua nonna e poi ha ucciso 19 bambini e 2 insegnanti. L’uomo armato è rimasto nella scuola per circa un’ora prima che venisse ucciso dalle forze dell’ordine. Sul New York Times si può leggere che negli USA – secondo il sondaggio Small Arms Survey 2018 – ci sono circa 400 milioni di armi da fuoco e 331 milioni di persone. La pandemia ha peggiorato le cose. I Centers for Disease Control and Prevention hanno segnalato che il tasso di morti per armi da fuoco di bambini di età pari o inferiore a 14 anni è aumentato di circa il 50% dalla fine del 2019 alla fine del 2020.
Negli USA non si riesce a regolamentare la vendita e il possesso di armi. A questo punto ci riesce difficile pensare che sia solo una questione di lobby per quanto importante. Non può bastare a spiegare del perché con tale frequenza si lasci uccidere bambini e lasciare i genitori in una valle di lacrime.

canale telegram Segui il canale TELEGRAM

-----------------------------

Newsletter Iscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article