Uscite discografiche 2014. Appunti su recensioni mancate (2)

concerti musica
history 3 minuti di lettura

La lista di dischi usciti nel 2014 che scorrerete qui di seguito non ha nessun intento classificatorio, né tantomeno la segnalazione di quelle opere fondamentali che l'anno ci ha lasciato. È un breve elenco di album di cui avrei voluto scrivere, e non necessariamente bene, ma il tempo e l'indolenza personale li hanno tenuti fuori dalla pubblicazione. Un piccolo risarcimento a brutte e splendide canzoni e degli artisti che le hanno create.
Non vi curate di noi e ascoltate!

Rocio rico romero

, . L'album è un esordio che arriva da molto lontano, non per le origini andaluse dell'artista ma per le influenze dovute agli insegnamenti del Lama tibetano Venerabile Norsang, capo cantore del monastero di Gaden in India, Igor Koshkendey, esperto in canto Khoomei. Canto e suoni raffinati che sembrano sospendersi, «ascoltando Roca Bàsica si ha la sensazione di una forte presenza carnale inabissata nel tracciato di un mantra meditativo (Tiempo, la bellissima Sono Fragile), un filo che “tesse” trame e le sfalda continuamente, quasi ad indicare l'unica via possibile per affrontare il racconto del viaggio, quella di una radicata flânerie che non distingue più i piedi nudi sulla roccia dalle verità insondabili del sogno» [1].

separa_didascalia.gif

l'italia peggiore lo stato sociale

, . La nutrita band di Bologna ha al suo attivo Albi, Bebo, Lodo, Carrots, Checco, Fiò, Johnny, Porky, Markoski, George Nashy, RobertoRobertoh, Hyppo e quest'anno si è presentata con il secondo album della carriera e ha regalato le prime due settimane di royalties ad Emergency. Siamo sulla stessa lunghezza d'onda del fortunato esordio, come ha scritto Stefano Solventi «sloganistica, arguta/acuta, servita su basi pop variegate, si tratti ora d'un post-punk elettrizzato e sintetico, ora di reggae/ska plastificato o ancora di electro-dance grossolana colta al crocicchio di sparsi azzardi hip-hop» [2].

separa_didascalia.gif
C'Mon Tigre
, C'Mon Tigre. Non è dato conoscere da chi sia composto il duo che ha esordito con queste tredici tracce e quasi un'ora di composizioni che sfuggono ad ogni tentativo di classificazione. A dire la verità all'opera sono noti i molti collaboratori tra i quali Enrico Fontanelli (Offlaga Disco Pax) scomparso da poco e la sassofonista Jessica Lurie. Per darne un'idea ecco come descrivono un paio di brani Franz Bungaro e Fabio Codias: «Federation Tunisienne De Football. Che è un brano straordinario, che parte dal nord Europa e incontra Mulatu Astatkè sulla via del jazz, corredato da un video-capolavoro per il quale Gianluigi Toccafondo ha realizzato a mano oltre cinquemila (!) disegni. E gli stessi profumi ethio-jazz contaminano la battuta lenta di “Fan for a twenty year” e le forme libere, psichedeliche di “Commute”» [3].

separa_didascalia.gif
Boy &Bear
, . Sono al secondo disco dopo il successo del primo disco . Gli australiani sono (voce e chitarra), Killian Gavin (voce e chitarra), Jake Tarasenki (basso), Tim Hart (batteria) e il fratello Join (tastiere, banjo e mandolino). E dagli strumenti si intuisce che viaggiamo tra li spazi dell'indie-folk, di quel mondo a cui appartengono anche i e i Mumford & Sons. Gianfranco Marmoro scrive che «la voce di Dave Hosking è il fulcro intorno al quale chitarre elettroacustiche sfilacciano armonie dai toni spensierati, i ritmi si agitano imponenti e fastosi e piano e basso recitano il prevedibile ruolo di abbellimento, ora armonico, ora ritmico. Non turba che tutto suoni derivativo e già sentito: Fleet Foxes, Mumford And Sons, Coldplay e Midlake sono i nomi che senza alcuno sforzo vi verranno in mente durante l'ascolto di “Harlequin Dream”, ma raramente scorgerete la stessa intensità nelle undici canzoni dell'album» [4].
Ciro Ardiglione

[1] Michele Faggi, www.indie-eye.it, 25 ottobre 2014
[2] Stefano Solventi, www.sentireaascoltare.com, 2 giugno 2014
[3] Franz Bungaro e Fabio Codias, www.storiadellamusica.it
[4] Gianfranco Marmoro, www.ondarock.it, 9 aprile 2014

canale telegram Segui il canale TELEGRAM

-----------------------------

Newsletter Iscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article