G8 di Genova, Luglio 2001. Per non dimenticare.

violenza
history 1 minuti di lettura

Dal G8 di Genova sono trascorsi vent’anni, si svolse con la presenza dei leader dei maggiori paesi industrializzati più la Russia tra il 20 e 22 Luglio del 2001. Il dolore per quanto accadde fuori dalla fortezza in cui si erano rinchiusi si avverte ancora. Il dolore delle vittime a cui è stata inflitta una crudeltà inaudita che, fisicamente e psicologicamente, ha segnato e segna profondamente.
Un dolore perché in quei giorni lo stato di diritto venne sospeso, lo stato per mano dei suoi rappresentanti annichiliva dei cittadini che erano lì per manifestare. Non è un caso se i poliziotti nella caserma di Bolzaneto ritmarono “un due tre viva Pinochet” e altri cantavano “Faccetta nera”.
Un dolore perché venne cancellata di fatto una generazione politica.
Il presidente del Consiglio di allora era Silvio Berlusconi e il capo della Polizia era Gianni De Gennaro.
La Corte europea dei Diritti dell’Uomo ha da poco dichiarato ‘inammissibili’ i ricorsi presentati da alcuni poliziotti condannati per l’irruzione alla scuola Diaz.

newsletter mentinfugaIscriviti alla newsletter

-----------------------------

Se sei giunto fin qui vuol dire che l'articolo potrebbe esserti piaciuto.
Usiamo i social in maniera costruttiva.
Condividi l'articolo.
Condividi la cultura.
Grazie

In this article